“Elite” 1×01 – L’interrogatorio di Samuel

Come ho fatto per “La Casa de Papel” per la serie “Elite” di Netflix farò diversi post in cui analizzerò alcuni dei dialoghi più importanti e da cui si possono imparare più cose. In questo caso ho selezionato il primo dialogo, quello in cui interroga Samuel (salto i dialoghi dei ragazzi fuori dalla scena dell’interrogatorio):

“¿Por qué estás manchado de sangre?”

Poliziotta: Samuel, tengo que hacerte unas preguntas… No llevas mucho en esta escuela, ¿verdad?
Samuel: No, llegué hace cuatro meses. Yo estudiaba en San Esteban antes.
P: El San Esteban, ¿el colegio que se derrumbó? [Silenzio] Tranquilo, todo va a ir bien…
[…]
S: Para congraciarse con el pueblo la constructora decidió pagar tres becas, para estudiar aquí en Las Encinas. Yo fui uno de los afortunados.
[…]
P: Íbais a la misma clase. Samuel, nos ahorrarías un montón de esfuerzo y de trabajo si contestas a una pregunta muy sencilla. ¿Por qué estabas manchado de sangre?
S: Yo no he hecho nada, quiero un abogado, por favor.

Analisi

La prima frase su cui mi vorrei soffermare è “No llevas mucho en esta escuela, ¿no?” Come forse ormai sapete, il verbo “llevar” è uno dei due verbi che si usano in spagnolo per dire “portare”. Tuttavia, ha anche questa accezione,  esprimere il tempo trascorso di un determinato evento. Se arriviamo in ritardo a un appuntamento possiamo chiedere “¿Llevas mucho tiempo esperando?“. Si sente spesso in frasi del tipo “llevo diez años trabajando en el mismo sitio“.

Poi c’è un verbo piuttosto raro, “congraciarse“, che vi posso assicurare che sarà una delle poche volte in cui lo sentirete nella vita. Il significato si può dedurre facilmente, “rientrare nelle grazie di qualcuno”, in questo caso il paese la cui scuola è crollata (“se derrumbó“).

Nelle frasi successive della poliziotta ci sono due verbi che forse vi risultano difficili ma che in realtà sono più semplici di quello che sembrano. “Íbais” non è altro che la seconda persona del plurale del “pretérito imperfecto” del verbo “ir“, che è strano innanzitutto perché cortissimo. “Ahorrarías” so che è difficile da pronunciare per via dell'”hache intercalada” e delle troppe “erre”, quindi ve lo consiglio come esercizio. Qua abbiamo un “condicional” del verbo “ahorrar“, che significa “risparmiare”.

Questo è il punto di partenza di tutta la serie, quindi secondo me è bello partire con i compiti fatti. Dubbi? Commenti? Fatemi sapere come la “Lezione di spagnolo” può esservi utile e ricordate che eventualmente potete anche contattarmi per lezioni su Skype.

Ecco le altre puntate:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *