Come scrivere una mail di lavoro in spagnolo (iii): la chiusura

Probabilmente siete arrivati qui perché state scrivendo una mail di lavoro in spagnolo. Avete scritto tutto il messaggio e ora avete un dubbio importante: come chiudere, come saluto a questa persona? Ovviamente dipende, come vi ho spiegato sin dal primo post di questa serie, non è la stessa cosa scrivere a un collega che avete in una stanza a venti metri dal vostro ufficio che scrivere a un CEO di un’azienda importante a cui avete presentato un progetto innovativo. Vediamo come fare per chiudere la mail nel modo più professionale possibile.

“Quedo a la espera de una respuesta”

Di solito le chiusure si dividono in due parti. La prima è quella frase con cui in realtà stiamo indicando che abbiamo finito di scrivere il nostro messaggio. In generale bastano poche frasi fatte per questa parte. Abbiamo, per esempio:

  • Sin más,“: letteralmente “senza aggiungere altro”. Può sembrare quasi scortese a una persona che non è madrelingua ma in realtà si tratta di una forma educata in cui semplicemente si dice che non c’è bisogno di aggiungere altro. Spesso si usa per messaggi che sono comunicazioni unidirezionali, chi lo scrive non si aspetta in generale una risposta. Ma insisto: di per sé non è scortese.
  • Quedo a la espera de su respuesta“: il classico “rimango in attesa di una sua risposta”. Evitate di pensare in italiano e di aggiungere cose tipo “su cortés respuesta” perché non si usa e rischiate di rovinare tutto all’ultimo. Voi volete che vi venga data una risposta e questa è la frase giusta per dirlo.
  • Quedo a la espera de sus comentarios“: in spagnolo sentirete per fortuna ancora di rado l’anglicismo “feedback”, quindi questa è la frase che fa al caso vostro se state cercando un riscontro.
  • Muchas gracias por / Le agradezco su atención / dedicación / tiempo“: grazie / La ringrazio della sua attenzione / dedicazione / del suo tempo. Come vedete le formule sono praticamente uguali, bisogna solo stare attenti a coniugare bene i verbi e a non mescolare le preposizioni. “Agradecer” è un verbo transitivo ma se scrivete “muchas gracias” bisogna aggiungere per forza il “por“. Il verbo “agradecer” è sempre un po’ più formale di un semplice “muchas gracias“, che va bene per chiudere le mail che scrivete alle persone con cui avete confidenza o uno scambio frequente di corrispondenza.

Notate che in queste formule stiamo dando “de usted” all’altra persona: “su atención“, “su respuesta“. Nel caso abbiamo la confidenza per dare del tu dobbiamo cambiare i pronomi: “tu atención“, “tu respuesta“… Sta a voi decidere ma il mio consiglio è che nel dubbio, usiate la formula “de usted“. Semmai sarà l’altra persona a darvi del tu.

Reciba un cordial saludo

Dopo queste frasi di chiusura ci vuole il vero e proprio saluto. In realtà è quasi la parte più semplice perché questa formula, “reciba un cordial saludo” (o “recibe” se diamo del tu), è molto versatile e va bene per quasi tutti i destinatari a prescindere del grado di conoscenza o della formalità che vogliamo usare. Ci sono variazioni di questa formula che vanno altrettanto bene: “saludos cordiales” e “cordialmente“. Anche “atentamente” funziona perfettamente come formula neutra.

Se possiamo e vogliamo calare un po’ per quanto riguarda la formalità possiamo scrivere semplicemente “Un saludo” o “Saludos“. Ancora molto meno formale è “Hasta pronto“, che useremo solo in casi di grande confidenza. Eventualmente, se siamo sicuri di vedere fisicamente quella persona fisicamente possiamo scrivere un saluto classico come “Nos vemos“, ci vediamo.

In ogni caso ricordate che dopo questo saluto ci vuole la virgola. Dopo di che, andate a capo e mettete il vostro nome come firma.

Avete ancora qualche dubbio? Ripassate i post precedenti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *