Antonio Fraguas “Forges” (1942-2018), vignettista

Oggi ci ha lasciato uno degli “humoristas gráficos” più importanti della storia contemporanea della Spagna. Anzi, direi proprio il migliore di tutti. Acuto, sagace, mordace ma sempre elegante. Questo è il mio omaggio a un uomo che mancherà tanto alla Spagna negli anni a venire, Antonio Fraguas, “mejor conocido como Forges“.

 

“Concha y Mariano”

Il pregio principale di Forges è stato quello di saper raccontare la Spagna con uno stile asciutto, essenziale, ridotto veramente al minimo in tante occasioni. E per quello si è servito spesso di due personaggi che incarnano la coppia media di spagnolide los años setenta y ochenta“: Concha e Mariano. “Concha” è un nome comune di donna ed è l’abbreviazione di “Concepción“. Una loro vignetta è finita persino su un francobollo commemorativo!

 

– Mariano, le 7. – Falle entrare

Forges ha pubblicato quotidianamente nel giornale El País e la sua matita non ha risparmiato nessuno; uno dei suoi “retratos” più famosi è sempre stato quello dell’ex presidente José María Aznar. A lui dedicò questa favolosa vignetta realizzata in concomitanza con l’entrata della Spagna nell’alleanza che invase l’Iraq.

 

Asse del male. Asse del bene. Aserejé.

Una delle cose che Forges odiava con tutto il cuore era l’ignoranza e la strada che ci sta facendo percorrere. Qua vi lascio un paio delle sue vignette che trattano questo argomento.

 

– Cosa leggi? – Il Chisciotte – E di cosa parla?

 

– Cosa fai? – Leggere – E perché?

E niente, oggi è un giorno molto triste. Ci lascia una persona magnifica che per anni ha continuato a lasciare un angolino nei suoi disegni per ricordarci di non dimenticare Haiti dopo il devastante terremoto del 2010. “Gracias por todo, maestro“.

– Non dimenticare Haiti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *