Gli articoli (I): “el artículo determinado”

In spagnolo ci sono due tipi di “artículos“: “determinados” e “indeterminados“. Anche se il loro uso è praticamente uguale all’italiano bisogna vederli per capire esattamente dove sono le differenze e quali sono le insidie per gli italiani che approcciano la lingua. In questo post vedremo quello “determinado“.

Questi sono i più semplici perché sono simili all’italiano e il loro uso è pressoché identico.

Número \ Género

Masculino

Femenino

Singular

El

La

Plural

Los

Las

Qua l’unica difficoltà è non confondere l’articolo “el”, con il pronome di terza persona del singolare, “él“, che ha la “tilde“. Questa è la “tilde diacrítica“, cioè, quella che serve a distinguere due parole monosillabe che altrimenti sarebbero uguali.

Per il resto l’uso è esattamente uguale all’italiano, si utilizza per parlare di qualcosa concreta e definita, quindi, se diciamo “el perro de Juan es muy inteligente” stiamo parlando di un cane concreto, non di uno qualunque. Altrimenti diremmo “un perro de Juan es muy inteligente“, il che vorrebbe dire che Juan ha più cani ma noi non sappiamo di preciso qual è quello intelligente. Oppure: “compra la tarta que me gusta” (compra la torta che mi piace), con questa frase do per scontato che l’altra persona sa qual è la torta che mi piace. Se dicessi invece “compra una torta” non sto mostrando nessuna preferenza e l’importante è che ci sia una torta.

C’è un’altra particolarità che voi italiani capirete benissimo. Riguarda le parole femminili che iniziano con la “a tónica“, ovvero con una “a” sulla quale cade l’accento della parola. L’esempio più semplice è la parola “agua“. Per queste parole, al singolare utilizzeremo l’articolo “el“: “el agua“, “el hacha” (l’ascia), “el águila“. Questo per evitare mettere due “a” insieme: “la agua“, “la hacha“, “la águila“. Questo non vuol dire che la parola sia di genere maschile, è solo un cambio di articolo per favorire la pronuncia. E’ come in italiano: “l’acqua” e non “la acqua”. Non essendoci gli apostrofi in spagnolo, la soluzione è scegliere l’articolo “el“.

Al plurale non c’è questo problema e potremo dire tranquillamente “las aguas“, “las hachas” e “las águilas” perché la “-s” del articolo plurale evita che le “a” vengano pronunciate una dopo l’altra. Succede la stessa cosa se al singolare mettiamo qualche parola, come un aggettivo, fra l’articolo e la parola: “la fría agua“, “la grande hacha“, “la preciosa águila“.

Come vedete, questa è una lezione semplice, ma persino nelle cose che sembrano, giustamente, più intuitive, ci sono alcuni aspetti da non sottovalutare.

0 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *